mercoledì 24 dicembre 2008

Lo spirito del Natale


Non è questo il primo anno privo dello spirito del Natale. Per le strade, ormai, non si respira nell'aria quel fascino magico della festività più bella. Alcuni dicono che è per colpa della crisi economica, che non fa "girare più 'na lira", ma credo, sinceramente, si tratti d'altro.
Da qualche tempo, non si vedono per le strade nemmeno le innumerevoli luci che infervoravano lo spirito delle città; le piccole baracche che vendevano i botti -questo è tuttavia un passo in avanti- si fanno sempre più sparute; la gente, prima sempre gentile in questi giorni, non vuole più esserlo, perché tanto non conviene in questo mondo.
E' una crisi sociale, dunque, prima che economica. L'egoismo prevale sull'altruismo. L'interesse personale su quello generale. Non che si debba essere per forza catastrofisti. Anzi. Proprio in questi giorni si dovrebbe recuperare l'ottimismo, attraverso una riflessione sui valori fondamentali che legano gli uomini. Che tanto si avvicinano ai principi cristiani.
E, perché no?, ci si può sostenere col bastone della letteratura, quel grande strumento di sostegno dello spirito, magari rileggendo il gran capolavoro natalizio di Charles Dickens: Canto di Natale. Con la speranza che tutti noi ci si svesta del "male" del signor Scrooge.
Buon Natale a tutti.

35 commenti:

Anonimo ha detto...

Il "vecchio Scrooge sapeva godersi un Natale senza amici....".
In questa frase c'è tutta la riflessione (profonda) di Dickens sul senso del Natale e, in fondo, della vita stessa: infatti sarà proprio la giovanissima e solare vita di un bambino, a cambiare, da dentro, il vecchio burbero...

Il Natale è, da sempre, da prima ancora del Cristianesimo, il Trionfo della Vita: era infatti la festa del Sol Invictus (Sole Invincibile), antichissima ed ancestrale ricorrenza pagana che serviva per celebrare il passaggio del Solstizio d'Inverno, giorno a partire dal quale, le giornate ri-cominciano ad allungarsi, garantendo l'eterno ciclo della Vita e della Rinnovazione...
Col Cristianesimo, che ha "innestato" la celebrazione del Salvatore, il Messiah, sull'antica celebrazione, la festa si è "arricchita" di un significato ancora più vasto e profondo, ma nonostante questo, tutti sebrano non avere nessuna voglia di festeggiare alcunché...

Segno di un tempo fatto di Uomini distratti ed assolutamente stravaganti nella loro razionalissima follia, in cui tutto "sembra dovuto", in cui se le giornate dopo il 21 Dicembre ricominciano ad allungarsi, non vi vedono "nessuna magia".
Tante, troppe persone sembrano non provare nessuno stupore per LA STRABILIANTE ED INFINTIA PERFEZIONE DEL CREATO (sapevate che l'equilibrio nel moto di nove corpi celesti, quali sono quelli del sistema solare è matematicamente "instabile"? Eppure...tutto funziona, da sempre...).

Ecco: Noi, nella nostra imperdonabile presunzione, abbiamo ridotto tutta "la magia", la mirabile perfeszione del Creato e della Vita che si rinnova e perpetua ad una sorta di "questione spicciola", definitivamente acquisita e perciò banale, sulla quale non vale neanche la pena di soffermarsi...

E invece la Magia della Vita c'è: è sotto gli occhi di tutti eppure Tutti, stolidamente, passiamo avanti, ottusi e presuntuosi fino all'inverosimile: né cerimonie pagane, né tantomeno una sincera e profonda volontà di "rinnovazione" dello spirito...

E tuttavia, in un così profondo deserto, è pur sempre possibile vedere la luce: basta solo "avere occhi per vedere..."

Buon Sol Invictus a tutti.
Buon Natale a tutti.
W Gaia e W la Vita...

Saluti
(sinistracritica)

Gianluca ha detto...

Non c'è bisogno nè di filosofia, nè di letteratura, e nè di teologia per recuperare lo Spirito altro, umile, povero, evangelico del Natale. Basta pensare che il Re dei Re, ha scelto di nascere in una mangiatoia, perchè "per Lui non c'era posto", si è svuotato della sua essenza divina e si è fatto povero, come noi, ha sofferto come noi, è morto in croce per noi. Credo che questo sia il Natale, il punto focale del senso della vita, l'essere per gli altri, stare con e per gli altri, custodire l'altro....perchè il grande peccato di Caino non fu tanto quello di uccidere Abele, ma di rispondere alla domanda di Dio "Caino dov'è tuo fratello?"...."Signore sono forse io il custode di mio fratello?...". Ecco il male di oggi: il non sentirsi responsabili degli altri, il voler a tutti i costi mettersi in mostra, il carrierismo, l'arrivismo, la ricerca smisurata del potee fine a se stesso. Il Re dei Re nasce Bambino, il Principe della Pace è un Bambinello, ciò rappresenta la vittoria della Semplicità contro ogni forma di avarizia intellettuale, di perbenismo intessato, di malvagità teorica e pratica, di prepotenza, di arroganza, di repressione degli altrui pensieri. Crediamo, speriamo e agiamo per questo, qualcosa cambierà.
Ciao Michele buon Natale dal tuo amico di sempre
Gianluca Di Giovine

Anonimo ha detto...

STORIELLA DI NATALE ORTESE

La piccola giornalista di regime locale si appresta immantinente a giustificare la mancata realizzazione di un programma politico comunale volto all'organizzazione della raccolta differenziata porta a porta, sull'esempio di tanti comuni italiani cosidetti virtuosi. E' appena passato santo Stefano che la stenografa scrive sulle pagine di un giornalucolo di provincia(fg), allegato a LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO,che sono stati incendiati nella notte DUE bidoni adibiti alla raccolta della spazzatura (n.d.r.indifferenziata), asserendo che tale gesto evidenzia come l'amministrazione locale abbia visto giusto nel non promuovere alcuna iniziativa sull'argomento, e fino a quando non si sarà formata una coscienza ecologista, non e' il caso di insistere.
Buon Natale, buon anno e tanti saluti a chi ci crede...

p.s. la "giornalista" non ha avuto neanche il coraggio di firmarsi se non con le sue iniziali: MM (michela mercaldi).

Anonimo ha detto...

siamo alle solite Mercaldate della Mercaldi, ma il bello è che ad ispirarla è stato lo scialbo ed inadeguato consigliere comunale tale: Nicola Aghilar....si pensa ovviamente che il tutto sia avvenuto sotto l'attenta regia Moscarelliana....Buon Natale Ortesi ed il nuovo Anno non inizia sotto buoni auspici, visto il livello dei nostri Amministratori, anche se considerarli tali è un eufemismo!

Anonimo ha detto...

si è costretti a pubblicarli qui poichè anche il Caporale sembra si sia adeguato alla torbida, losca e dura ragione Moscarelliana!...passate parola!

Anonimo ha detto...

si ringrazia vivamente il titolare di questo blog per la libertà concessa e anche per la sua autorevolezza, grazie ancora!

(((( enea43))) ha detto...

A proposito di differenziata:

Lilì, però stù Signore nù crede a nudde.
Colì, perchè è un Miscredente. Io ho visto che la portavano porta a porta con la protezione civile. Pensa, che hanno fatto pure la selezione delle persone.
Buon Anno a Tutti

Anonimo ha detto...

"Si dice che il sorriso abbonda sulla bocca degli stolti"

Auguri anche a voi....

Anonimo ha detto...

PANEM ET CIRCENSES

Ma alla gente piace essere mal governata?
Credo che questa domanda se la siano posta in tanti, ed in tutti i tempi. Se la sono posta sia governanti che governati. Già gli antichi romani sapevano che una volta dato al popolino un po’ di panem et circenses lo si poteva benissimo tenere a bada, così come succedeva con feste, farina e forca nella Napoli borbonica. Un po’ come succede ai giorni nostri, a voler ben vedere.
E allora, perché mai dovremmo stupirci se continua ad essere così anche adesso? Le persone oggi sono, almeno in teoria, più colte di una volta e, sempre in teoria, hanno un maggior accesso ad una libera informazione. Che cosa le porta, oltre ad un innato bisogno, ad affidarsi a qualcuno più grande e potente (che sia un Dio o un governo), che le protegga come nel primo caso o che gli dia l’illusione di farlo come nel secondo? Cosa le spinge a chiudere spesso gli occhi davanti alla verità o a certe evidentissime contraddizioni?
È davvero solo una questione di pigrizia e di egoismo, o non si ha scampo da questo destino? E tutta questa farsa sul libero accesso all’informazione è semplicemente una delle più grandi menzogne della storia?
È vero che stiamo io scrivendo e voi leggendo, più o meno liberi di dire la nostra opinione. È vero quindi che, a mio avviso, continuiamo a vivere in una grande era, pensando a ciò che potrebbe succedere in futuro. Ma siamo davvero convinti che, fino a quando i nostri stili di vita ci imporranno di stare occupati con attività più o meno utili a noi stessi e agli altri, piuttosto che con la nostra professione, possiamo sfruttare la fortuna, il privilegio di non essere condizionati?
Come è possibile non essere presi per i fondelli se in un’era in cui si sta passando da un’economia dominata dal mercato e dai concetti di bene e proprietà verso un’economia dominata da valori come l’informazione e le relazioni, si possa trovare solo il tempo di riversarsi sul divano a guardare per un paio d’ore della tv spazzatura, o, nel migliore dei casi, film visti e rivisti?

È una situazione paradossale, se ci si pensa, quella in cui ci troviamo in questo momento: abbiamo la tecnologia per lavorare meno e dedicare più tempo a noi stessi e agli altri, ma non abbiamo tempo per niente e per nessuno; abbiamo accesso a migliaia di fonti attendibili di informazione, soprattutto attraverso la rete, ma continuiamo a credere alle frottole dei soliti tre telegiornali. Certo la situazione ha assunto contorni a dir poco imbarazzanti. Dare dei “rincoglioniti” alla maggioranza degli italiani come ha fatto di recente Marco Travaglio in un suo “Passaparola” (nel senso di popolo nella maggior parte dei casi totalmente disinteressato a tutto ciò che riguarda sia le istituzioni che la cosa pubblica in generale) potrebbe essere eccessivo, ma il dubbio della verità di tale affermazione ha sicuramente attanagliato molti di noi.
Sta succedendo di tutto: vogliono costruire (e stanno costruendo) infrastrutture che non servono a nulla, riesumare l’energia nucleare, creano ad arte l’emergenza rifiuti per poi piazzarci un’inceneritore come soluzione, vogliono privatizzare acqua ed istruzione in un sistema di finta concorrenza, si vuole “modificare la Costituzione a propria immagine e somiglianza”! Insomma, se ne stanno combinando di cotte e di crude, e nell’era dell’accesso la gente continua a credere, o a voler credere, che tutto vada bene com’è, e che se si vuole vietare il latte crudo perché è diventato da un giorno all’altro pericoloso, è giusto che sia così perché “lo hanno detto tutti i telegiornali”.
“Lo hanno detto Emilio Fede e Bruno Vespa”…allora e’ vero!...???
Penso che purtroppo il problema vada ben oltre i telegiornali e la corruzione dei politici, perché non è solo l’intera industria culturale di massa a volerci tenere nell’ignoranza più becera, ma siamo noi stessi, spesso, a volerlo. È sicuramente il dominio indiscusso della società dei consumi a mantenerci in questo perenne torpore, ma è anche la natura umana stessa a farlo.
Il mondo vuole essere ingannato. Gli uomini amano essere imbrogliati. Essi avvertono che la loro vita sarebbe assolutamente insopportabile nel momento in cui smettessero di restare attaccati a soddisfazioni che non sono tali. È sempre stato così e probabilmente sempre lo sarà.
C’è però una differenza, al giorno d’oggi: che la privatizzazione dell’acqua, gli inceneritori, le scorie nucleari o gli organismi geneticamente modificati possono mettere molto più in apprensione dei panem et circenses. A meno che si pensi che tutto è “fiction”, e che nulla ci possa più toccare, visto che siamo più che abituati a vedere e sentire le peggiori brutture, senza fare una piega, attraverso uno schermo.

losservatoreortese

Anonimo ha detto...

Osservatore Ortese,
post perfettamente condivisibile. IN toto. C'è tuttavia una questione di fondo che evidentemente fatichiamo ad affrontare e non ho ancora ben capito se ciò avviene per saggezza o stupidità, che è la seguente: in Italia si sta, al di là delle bufale dei mass media "di regime" (di quel regime "light" che non impone direttamente nulla ma che è fatto dalla "condivisone implicita" dei "non valori" della nostra società moderna) INFINATAMENTE PEGGIO che nella stragrande maggioranza dei Paesi c.d. "industrializzati".

SOLO in Italia, infatti, SE non sei raccomandato, non vai da nessuna parte...

SOLO in Italia il "presidente" dei miei c. non può essere processato...

SOLO in Italia, tutti cianciano di cose di cui non sanno assolutamente nulla...e nonostante questo sono “amministratori” o, peggio, ministri...

SOLO in Italia, se perdi il lavoro SONO CAZI AMARI perchè NON esiste un welfare state degno di questo nome...

SOLO in Italia anche quando un lavoro ce l'hai, non arrivi alla fine del mese...

E, nonostante questo, tutti, chissà perchè, continuano a pensare di "vivere bene", anche se invece si vive mediamente molto male…
Perché in Italia, fare il lavoro per cui hai studiato, o semplicemente quello in cui hai una qualche qualità è impossibile...

In Italia abbiamo il costo del lavoro più passo di tutti i Paesi del G7 e nonostante questo, dei perfettamente imbecilli (a volte anche sindacalisti) che non hanno la minima informazione su ciò di cui dottamente cianciano, continuano a sostenere il contrario...(simili grottesche discussioni sono all’ordine del giorno, nei vari “porta a porta” ecc…)

SOLO in Italia, il PIL è sceso del 0,9% nel secondo e terzo trimestre di quest'anno...eppure esiste il diffuso senso generale che la crisi stia altrove...anche se invece i dati dicono che la crisi è QUI più che altrove…

SOLO in Italia, gli Amministratori locali possono, grazie ad un recentissimo decreto, affidare per "chiamata diretta" lavori pubblici per 500.000 eur (che fa 700.000 usd). E tutto questo, si badi bene, nello stesso momento in cui si dice di "voler rendere più trasparenti gli appalti": infatti ora sono trasparenti al punto che neanche si vedranno più… 

Infine: SOLO IN ITALIA il giornale di confindustria fa un'editoriale tostissimo in cui si parla di "ri-rendere pubblica" la Banca D'Italia e di OBBLIGARE le Banche a ricapitalizzarsi...
Mentre i giornali di "opposizione" alcuni dei quali "dalla parte dei lavoratori" si concentrano su un mare di infinite, singole ed alla fine inutilissime discussioni intorno "all'etica del mercato": ma perchè allora non parlare di “poetica della riproduzione asessuata"? Almeno già dall’inizio i lettori saprebbero che si tratta di un argomento di discussione assolutamente “da salotto” e perfettamente inutile a cambiare alcunché.

PS: LA differenziata NON E' un "problema culturale".
LA RACCOLTA DIFFERENZIATA è in toto (né potrebbe essere altrimenti), una questione tutta (e solo) amministrativa...

Saluti
(sinistracritica)

PS: Gianluca a proposito; senza voler fare troppa "dotta polemica" la "magia della vita" non è questione di filosofia...Sapere dell’antica festa del Sol Invictus su cui il Natale Cristiano è stato letteralmente “innestato” è Cultura e nel dirlo non c’è nulla di male…né tantomeno c'è nulla di male a sapere che Gesù magari non è nato proprio tra il 20 e il 25 Dicembre: saperlo anzi, non può scalfire in nessun modo le convinzioni di chi abbia a cuore il messaggio fondamentale e sia forte di una fede che non è né banale, né banalizzabile intorno a "questioni di nessun valore" come “le date”: fosse nato pure il 15 Agosto ( e nessuno ci garantisce che così non sia stato), IL MESSAGGIO del Messiah, non cambia di una sola virgola… Inoltre (insisto) su un punto: se questioni come il solstizio d’inverno ed il delicatissimo (e per certi versi decisamente miracoloso) equilibrio della volta celeste fossero oggi di dominio comune, forse la gente sentirebbe ancora forte il “sapore” della sapientissima “magia” insita nella Creazione, (creazione che, è bene ribadirlo, non si risolve affatto con l’Uomo..) probabilmente la gente avrebbe anche un senso dell’Ambiente diverso: ma tant’è…
(con affetto)

Anonimo ha detto...

A PROPOSITO DEI VALORI CRISTIANI A CUI FAI RIFERIMENTO (IULA) CERTO CHE CHE RAPPRESENTATI DALLA CHIESA OGGI è TUTTO DIRE,QUANDO DICO CHIESA DICO ANCHE LA COMUNITA CHE FREQUENTA E CHE SPOSA CERTI PRINCIPI.
PRINCIPI LEGATI AL FASCISMO PURO,BASTI PENSARE ALLA PENA DI MORTE PER I GAY.
L'ELENCO POTREBBE ALLUNGARSI ALL'INFINITA',MI FERMO QUI PER NON ANNOIARVI,MA SOPRATUTTO PERCHè DIFRONTE HO UN MURO DI IPOCRISIA ,COSIDETTA CRISTIANA.
RILEGGETE IL MOMENTO STORICO,FORSE IL PIù IMPORTANTE,QUELLO DEL PERIODO LUTERANO.MAI COME OGGI è COSI REALE.........LEGGETE LEGGETE ......
BUON 2009 ALLE PERSONE NON GHETTIZZATE DA FALSI IDEALISMI----

FIRMATO:UNA PERSONA NORMALE.

Anonimo ha detto...

Tra un pò tutto finirà! A Orta nOva si aggira "L'UOMO FALENA".

Anonimo ha detto...

Ti sbagli: si aggira la Guardia di Finanza negli uffici comunali, LADRI.

Gladiatore1943 ha detto...

Sono un presuntuoso e dell'Uomo Falema, ne prendo : Estremamente Vivace " invece voi siete solo % di Quacquaracqua, pronti a dare anche il posteriore per un poco di .... niente. Sono molto Umano, mi batterò anche per voi, con la speranza di farvi passare nella categoria superiore dei Ruffiani. Malgrado ogni ragionevole sforzo, non vi posso illudere, alla categoria degli Ominicchi non potete arrivare. Auguri di un felice 2009.

Gladiatore1943 ha detto...

Cari Poeti, muti e patetici:
Egli è nei nostri Cuori e nella nostra mente, speriamo che lo sia anche in quelle dei Magistrati e delle Forze dell’ordine.
Lunga Vita, Evviva Moscarella, ” EVVIVA ” gli stabilimenti vinicoli trasformati in casermoni. Ex Compagni, ex democristiani ex, ex, solo un’unico studio tecnico Dott. ri Ingg. D%$&C. Quanto è buono Moscarella, quanto è bravo Il Comandante Santoro che non Controlla, come è umano il dott. Ing. Giovanni Battista Vece che non vede, non sente e… come preeeega.I malament simm nui’.E chi si ferma ognuno adda pavà ù prezz: chill che simm state onest e chill cà non lu sò. A gennaio con l’anno nuovo scenderemo nell’arena, Moscarella e compagnia statene certi! ‘U Gladiatore.

Anonimo ha detto...

COPIA/INCOLLA DI UN POST DEL BLOG DEL DOTTOR MONTANARI:

SI FA PER RIDERE...PER NON PIANGERE

SEBBENE ABITI IN PROVINCIA DI FOGGIA, MI ILLUDO DI ABITARE IN UN PAESE OCCIDENTALE E, DI RIFLESSO, CIVILIZZATO.
MA FORSE MI SBAGLIO, ANZI NE HO QUASI LA CERTEZZA. COSI' COME HO LA CONVINZIONE DEL FATTO CHE L'INDIFFERENZA DELLA GENTE NON FA RIMA CON BARBARIE, MA SICURAMENTE NON E' UN'OSSIMORO.
MENTRE MI RECAVO AL LAVORO, DOPO AVER ACCOMPAGNATO I MIEI FIGLI A SCUOLA, SVOLTO L'ANGOLO DELL'EDIFICIO SCOLASTICO E MI RITROVO DAVANTI UNA PILA DISORDINATA E MALANDATA DI ONDULINE IN ETERNIT, BUTTALE LI' PER TERRA, A POCHI METRI DALLE SCUOLE ELEMENTARI E IN UNA ZONA DISCRETAMENTE POPOLATA.
PROVVEDO IMMEDIATAMENTE A SEGNALARE LA SITUAZIONE AL PRIMO VIGILE URBANO CHE INCONTRO(qui da noi li chiamiamo "le guardie del re" in virtù del fatto che molti vigili urbani del mio paese sono diventati tali non per aver vinto un concorso, ma grazie alla volonta' compiacente del nostro sindaco), IL QUALE MI RISPONDE CON IL PIGLIO DI UN BRADIPO CHE LA SEGNALAZIONE E' GIA' STATA FATTA E CHE, DOPO LE FESTIVITA' NATALIZIE, UNA NON MEGLIO IDENTIFICATA SOCIETA' SPECIALIZZATA PROVVEDERA' ALLA RIMOZIONE DEI PANNELLI ALL'AMIANTO.
TANTO, AGGIUNGE IL FANTE-LESTO, LO SAPPIAMO CHE SIAMO UN PAESE DI INCIVILI, UNA "MONNEZZA" IN PIU' CHE DIFFERENZA VUOI CHE FACCIA?
ERO PROPENSO A DARGLI TORTO.
MA A PRANZO MI SONO RICREDUTO NELL'ASCOLTARE IL TG REGIONALE (Puglia):
CON GRANDE SODDISFAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE FOGGIANA SI ANNUNCIA CHE E' STATO RAGGIUNTO UN ACCORDO(?) PER LA "RIQUALIFICAZIONE" DEGLI STABILIMENTI DELL'EX ZUCCHERIFICIO DI FOGGIA, IN LOCALITA' INCORONATA (Basilica dell'Incoronata). QUESTA RIQUALIFICAZIONE CONSISTE NELLA RISTRUTTURAZIONE DEI LOCALI PER PERMETTERE LA VALORIZZAZIONE DELLA PAGLIA DEI NOSTRI CAMPI.
INSOMMA UN INCENERITORE! UNA NOTIZIA TRASMESSA SENZA MAI UTILIZZARE QUESTO TERMINE! FORSE NON SUONA BENE.
INOLTRE, CONCLUDEVA IL SERVIZIO, SONO PREVISTI ALTRI DUE IMPIANTI DI QUESTO TIPO, UNO A CERIGNOLA E L'ALTRO VICINO SAN SEVERO, CHE PERMETTERANNO DI RISOLVERE I PROBLEMI LEGATI ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.
A QUESTO PUNTO TUTTE LE MIE PERPLESSITA' E TUTTI I MIEI DUBBI SONO SVANITI. HO DATO RAGIONE AL VIGILE URBANO.

gianluca ha detto...

Per sinistra critica.
La data del 25 dicembre è soprattutto una data simbolica, perchè come si racconta nell'Antico Testamento Giuda il Maccabeo, proprio il 25 dicembre ri-sacralizzò il culto dell'unico Dio, in quanto molti pgani si erano creati tanti idoli. Allora far nascere Gesù il 25 dicembre ha un senso ben profondo, significa rendere di nuovo sacra la vita, la dignità umana perchè oggi è sempre più in balia delle acerrime e asfissianti idolatrie. Penso all'idolatria del succeso, della ricchezza, del mercato......
Nasce la Speranza, nel luogo più arido, più tetro, più oscuro, povero, emarginato....questa non è semplicemente cultura....è Semplicità evangelica, qualcosa di più della cultura.
Fraterni saluti
Gianluca Di Giovine

Anonimo ha detto...

Gianluca, mi riprometto di afrontare al più presto tale profondissima ed interessantissima discussione di persona, (fermo restando che sono perfettamente d'accordo con quanto hai scritto...).
Per il momento sospendo quindi la nostra discussione, per far notare a Tutti, quello che qualunque mente sufficientemente distaccata riesce a percepire leggendo tutti i post: pare che in giro ci sia tanta, tanta volgia di "litigare". Vendette incrociate, quasi si direbbe...
Alla faccia, appunto, dello "spirito del Natale". Rabbia. E' comprensibile che ce ne sia. Credo però personalmente che la rabbia, oltre ad "offuscare le menti", ingeneri anche un pericolosissimo ciclo che si autoalimenta (Palestina docet: forse è solo Leggenda, ma davvero pare che da quella Amara e Santissima Terra, continuino ad arrivare moniti che è certo difficile ignorare...)

Ok. La nostra Amministrazione fa, amministrativamente parlando, appunto, schifo. Tuttavia (e credo che questo sia un fatto incontestabile) Orta Nova non riesce (ancora) a rifletere bene sulle cause del male...e quindi sui rimedi. Allora comincio ad augurare un Buon Anno a Tutti con l'Augurio che il 2009 sia per Orta Nova un Anno Nuovo, l'anno in cui (finalmente) si avvierà un Dibattito Politico e Civico che per troppo tempo (a causa prima di tutto nostra, di cittadini ignavi)è rimasto sopito, soffocato dal peso di inutilissime "dispute personali" intorno a questo o quell'Affare particolare o, meglio, particolarmente oscuro...

Bene. Allora è' ora di far tornare a splendere la Luce della Ragione: il 21 Dicembre, ad Orta Nova, è durato fin troppo a lungo...

Il 2009 sarà, (dovrà essere!), questo il mio Augurio, l'anno della Rinascita politica e civico-culturale di questa Città: niente più personalismi. Niente più dispute particolari. Una visone integrata delle questioni. Per una Politica del Benessere Sociale. Questo sarà il Nostro Scopo. E nulla più.

Saluti
(sinistracritica)

Anonimo ha detto...

L'anno 2008 è stato caratterizzato da una serie di vergognose circostanze che hanno visto protagonosti personaggi squallidi di dubbia onestà intellettuale. Costoro hanno gettato discredito sulla città di Orta Nova e sulla intera popolazione. La verità, quella scritta, è emersa nel tempo con tutta la sua dirompente naturalezza. Che fossero dei prezzolati al soldo di qualcuno interessato al problema discarica o a problemi politici è stato chiaro sin dall'inizio della vicenda "Ferrante". Omuncoli, con profonda crisi di identità e afflitti da un complesso di inferiorità si sono lanciati in questioni che o non hanno capito (perchè totalmente privi di cultura) oppure in mala fede (perchè privi di amor proprio). La discarica approvata dal sindaco Michele Vece e dall'Amministrazione Provinciale di sinistra è stata bloccata dall'amministrazione comunale di destra (Moscarella ha ancora una volta ragione) ed è stata seguita con attenzione dall'amministrazione provinciale di centrodestra (con Moscarella consigliere provinciale di maggioranza). Chiedere per credere all'avvocato Michele Di Lorenzo!!! Tutti coloro, invece, che si sono divertiti a fare casino e ad inventarsi favole per bambini (ultima in ordine di tempo quella pubblicata su un giornalino circa la presunta notizia che Moscarella fosse indagato. Anche su questo sia il giornalino che l'intervistato si sono beccati una denuncia) nella fase più delicata si sono defilati lasciando il gravoso compito di difendere le posizioni all'amministrazione comunale di Moscarella e alla Provincia di centrodestra con gli avvocati Ruocco e Di Lorenzo. Il tempo è galantuomo!!!! La verità viene a galla!!!! Chi di spada ferisce, di spada perisce!!!!
La sfida per la risoluzione dei problemi era ed è rimasta solo una incombenza dell'amministrazione Moscarella che, senza fare chiacchiere e nella più totale trasparenza, ha mantenuto gli impegni presi assumendosi la responsabilità di fare le scelte e di approvare gli atti conseguenziali senza temere i pochi soliti e conosciuti disfattisti. Alla fine auguro buon anno a tutti voi e spero di vedere in un prossimo futuro gli avversari politici di Moscarella assumere per la prima volta nella loro vita delle responsabilità nella gestione della cosa pubblica Ortese. Conoscendoli affermo sin da ora che sarà da ridere!!!! L'augurio per Orta Nova è che questi soggetti, perennemente alla opposizione, presuntuosi ed incompetenti lascino il paese alle persone perbene perchè di questo Orta Nova ha bisogno.
Auguri.

(((( enea43))) ha detto...

Dedicata al difensore d'ufficio di sua Eccellenza dott. %$& Peppino Moscarella.

Pubblicata sul blog Luca Caporale molti mesi fà.

[((( enea43)))) con il patrocinio della ” Memoria smarrita “.

Gita con cavallo e calesse.
Caro Giovanni, siamo imparziali, nù scordamme che fuste Presidente, il fatto è che il don Dario socio del geom. don Vittorio, Vice..di don Michele il poveretto,” Me or’dura, mi chiamaste ”? Non ancora!! Nel rifare i marciapiedi, aveva dimenticato di disegnare gli scivoli per l’abbattimento delle barriere architettoniche. C’s disc? Madò ? pure dò, jallora j’è ‘n’abitudine, l’ha dimenticato pure in quella delle Rose! Voi due sempre insinuare? Nain, nain, nostro comportamento sempre cristallinè! Colonnello, non… nain, nain, noi volerci bene “ Come una Casa..Nostra”. Allora don Michele, don Giovanni il Battista, Lei, gli altri poveretti? ja, ja, ora capitè. Oh Yes, oh Yes, però, mò “ Vi ‘adà trasì a cudde poste ”! Lilì la Finanza , Colì la Procura!!
Mè, arravugghie e camine: Vedi che bellezza architettonica, la Chiesa di Lourdes, la Casetta di don Vincenzo, chi ‘u sacrestane? oh Lilì, è mene jà, facimme le persone serie. Colì, non discenne ca pure Cusse j’è state Sindaco? Ma vattinne!C’s disc? j’è Cudde cà alle ultime elezioni provinciali, j’eve ‘p ‘nà scuffietta in cape e la mazza della scopa attaccanne i manifesti , madò, j’eve na barzelletta, c’è pene mè faceva. Madonna bedda di Lourdes! Pure Cusse Sindaco!
Colì sentimi: Non ti devi arrabbiare, la colpa è tua , hai attraversato l’Adige?Il Po non tiene diritto ad essere attraversato? Hai parlato del Presidente partigiano, mò vuoi rendere omaggio al Sindacalista, visto che almeno Cusse, oltre che era delle nostre parti, e si può dire : “ Veramente nù Cristiane Onesto “! E che ne dici del 25 Aprile 1945 e del 25 luglio 1943, e poi dopo tutta questa cavalcata, non meritiamo di trovare un po’ di ristoro in via della “ Pace “?
Lilì, attinde, attinde, non me discenne nudde, qua fiuto il tranello; Signerì, sotto sotto , mi stai dicendo che questa zona è dimora di ex Sindaci, mancati Sindaci, ex Assessori, ex. ex, e che a loro, tutta questa ricchezza è costata ??? a mq. e che per spirito di “ Corpo “ stanno tutti vicini, compresi amici e compagni? Awanda, Awanda a Peppino, lassa perde, prumette certe e vene mène secùre.
Lili chiudiamo gli occhi e preghiamo: San Francesco di Assisi,il Poverello, tu che rinunciasti alla ricchezza, che parlasti alla Gente di bontà e carità cristiana, ascoltaci, vieni in nostro aiuto, facci rinascere dopo tutta stà monnezza!
Mi chiamaste e venni in soccorso, sono Il Santo don Michele 'u poveridde, con il mio amato cugino Giovanni il Battista, Frate Vincenze da Bonassise, scortati per giustizia, da alto ufficiale % % %, “ Dirigente “ KKKàpppleeer! Ma vattinne! Va! Se t’awand, s’ò mazzate, ” Struunnnzzzzz “, il Poverello, quello vero, San Francesco d’ Assisi, j’è pè Cudde che avete da fare i “ Conti “ oltre, speriamo, alla giustizia terrena, che j’è lende, ma arriva, arriva, arriva!
Madò, Colì il Cavallo ha cacato sotto il portone di don Michele e frate Vicienze da bon assise i “ poveretti di Orta Nova! Lilì ‘u cavadde j’è intelligente!

Gentile Avvocato d'ufficio te la potevi risparmiare: Vece: Lavori Pubblici= I lavori pubblici : a Moscarella, il resto solo chiacchiere.
Felice 2009 a Tutti.

Anonimo ha detto...

non siate tristi! "L'UOMO FALENA" sta per arrivare!

((((enea43))) ha detto...

enea43 Luglio 26, 2008 alle 8:02
Lilì facime l’appello: Affari …. Generali …. Ufficio …. Tecnico ….
Assessorato …. Alle Consultazioni …. Studi Tecnici …. Associati ….
Ufficio …. Economato …. Ufficio …. Prenotazioni …. I.C.I. ….
Comando …. Polizia Municipale …. Colì, tanto va la gatta al lordo …. che prima o poi ci lasceranno …. lo zampino ….

Anonimo ha detto...

Avvocato difensore di sua Eccellenza dott. %%%% Peppino Moscarella & C.

enea43 ve lo stà mettendo in quel posto e voi non rispondete? Ladri di regime?

Anonimo ha detto...

Le farneticazioni sono il risultato di una falsata idea della società e della amministrazione. Si leggono in modo distorto tutte le manifestazioni della vita che non collimano con i desideri mal celati che ognuno porta dentro di sè. Mi rivolgo a quei signori che vivono la propria realtà con un incoffessato complesso di inferiorità che li porta a vedere malefatte in tutto ciò che accade senza considerare il fatto che in amministrazione vi è l'obbligo di rispettare le norme e le regole poste dallo Stato e non dai singoli amministratori comunali. Sempre costoro nell'anno di grazia 2oo8 hanno dimostrato in modo inequivocabile di essere completamente a digiuno sia delle norme e sia delle più elementari regole del vivere civile. Li abbiamo visti interessarsi della discarica "Ferrante" senza aver letto un foglio di carta e senza aver capito nulla di cosa si stava trattando. Hanno partecipato al banchetto della più dannosa insipienza contravvenendo alla regola principale della preventiva documentazione. Il risultato ottenuto è stato quello di essersi resi riconoscibili fisicamente ed intellettualmente (si fa per dire!). Li abbiamo ritrovati ad assumere una posizione assurda sulla questione della scuola materna. Anche in questo caso l'anno 2008 ha dimostrato che il pretesto per fare un pò di casino mal si concilia con le cose serie. Altro clamoroso fallimento degli oppositori dell'amministrazione Moscarella. I bambini continuano a frequentare la scuola materna senza troppi disagi, è stata abbattuta qualche rendita di posizione che veniva da lontano e si è fatta un pò di giustizia sociale. I furbetti, invece, che speravano di indirizzare la protesta di alcuni genitori contro l'amministrazione comunale per garantire qualche beneficio ai propri familiari od amici si sono ritrovati con un pugno di mosche. La speranza di un cittadino che ama la verità è quella di vedere i carabinieri, la guardia di finanza, la magistratura nell'anno 2oo9 fare pulizia in tutte le direzioni: nei confronti degli amministratori se hanno commesso errori (ma questi sono costantemente sotto controllo in quanto la legge prevede la pubblicità degli atti), e nei confronti di quanti nell'anonimato si presentano con una serie di masturbazioni mentali infarcite di tanta cattiveria e di tanta ignoranza.
Auguri

Anonimo ha detto...

La Prima Repubblica, la regione Abruzzi, Pescara sono state scoperte solo perchè qualcuno ha denunciato.Vallo a dire agli ingenui, caro avvocato d'ufficio.

Anonimo ha detto...

"Il tempo è galantuomo!!!! La verità viene a galla!!!! Chi di spada ferisce, di spada perisce!!!!"......

UN COROLLARIO DI FRASI FATTE DA VECCHI SAGGI, MA DETTE DA CHI NON HA ALTRI ARGOMENTI SE NON QUELLI MISTIFICATORI DELLA REALTA' STORICA.
ALLORA AGGIUNGEREI:" CHI SI LODA S'IMBRODA".
DIRE CHE LA FELICE CONCLUSIONE DELLA FACCENDA DELLA DISCARICA DI FERRANTE E' MERITO DI MOSCARELLA E DELL'AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI DESTRA MI RICORDA I FILM DI TOTO' E PEPPINO (de filippo, no moscarella....anche se...).
MI RICORDO DELLA SERATA ORGANIZZATA DALL'IMPAVIDO SINDACO AL CINETEATRO CICOLELLA, CON AL SEGUITO LA SUA CLAP, IN CUI SI INFERVORAVA E SI SBRACCIAVA TEATRALMENTE PER SOTTOLINEARE CHE EGLI AVEVA FATTO TUTTO IL POSSIBILE PER EVITARE LA COSTRUZIONE DI UNA DISCARICA CHE NESSUN ORTESE VOLEVA, MA CHE LA DECISIONE DELL'EVENTUALE ANNULLAMENTO DELLA DELIBERA 525/2005 SPETTASSE ALL'ENTE PUBBLICO CHE AVEVA DATO L'AUTORIZZAZIONE ALLA SUA REALIZZAZIONE, CIOE'(parole sue) IL GRAVOSO ONERE ERA DI COMPETENZA DELLA PROVINCIA DI FOGGIA, A SUO TEMPO DI SINISTRA.
POCHI GIORNI DOPO E IN EXTREMIS, PRIMA DELLO SCIOGLIMENTO DELLA GIUNTA PROVINCIALE, FU SANCITO L'ANNULLAMENTO DELLA SUDDETTA DELIBERA, SU BASI CONCRETE E VERIFICABILI DI UN VIZIO DI PROGETTAZIONE DELLA DISCARICA.
SUCCESSIVAMENTE LA GIUNTA DI DESTRA, CHE NEL FRATTEMPO AVEVA VINTO LE ELEZIONI, HA SOLTANTO ASSISTITO (da distratta spettatrice) AL PREVEDIBILE RICORSO DELL'AGECOS, ALL'ARRESTO DEL SUO PROPRIETARIO ROCCO BONASSISA E ALLA DEFINITIVA E FELICE CONCLUSIONE (per i cittadini che hanno lottato!!) DELLA "FAVOLA" DI FERRANTE.

" La sfida per la risoluzione dei problemi era ed è rimasta solo una incombenza dell'amministrazione Moscarella che, senza fare chiacchiere e nella più totale trasparenza, ha mantenuto gli impegni presi assumendosi la responsabilità di fare le scelte.."

L'AMMINISTRAZIONE MOSCARELLA ANZI IL SOLO PEPPINO MOSCARELLA E' ALLA GUIDA DEL N O S T R O PAESE
E, CI MANCHEREBBE ALTRO, SPETTA A LUI L'ONERE E L'ONORE DI GESTIRLO, MA NON COME MEGLIO PARE A LUI ED AI SUOI "AMIGOS", MA COME MEGLIO PARE A TUTTI I CITTADINI ORTESI(non cerignolani!).
SENZA CHIACCHERE? OK!
MA SE PER CHIACCHERE SI INTENDONO TUTTE QUELLE "VOCI FUORI DAL CORO" CHE CHIEDONO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA, OVVERO UN COINVOLGIMENTO DELLA POPOLAZIONE RIGUARDO LE FUTURE SCELTE ENERGETICHE, O MAGARI UNA SEMPLICE SPIEGAZIONE DEL PERCHE' SI CHIUDONO GLI ASILI PUBBLICI PER POI REGALARE SOLDI ALL'ISTITUTO SAN TARCISIO, OPPURE PERCHE' SI E' AUTORIZZATA UNA COMPAGNIA TELEFONICA AD IMPIANTARE UN'ANTENNA TELEFONICA IN PIENO CENTRO CITTADINO E SOPRA UNO STABILE PRIVATO, A VANTAGGIO SOLO ED ESCLUSIVAMENTE DI UN SINGOLO(parente del nostrano "Vale"), SENZA ADOTTARE ALCUN PRINCIPIO DI CAUTELA PER LA SALUTE PUBBLICA, ALLORA SI RISCHIA LA SORDITA' AMMINISTRATIVA, SI ASSISTE ALL'ARROCCO, AL MOVIMENTO SIMULTANEO DEL RE E DELLA TORRE PER EVITARE GLI "ASSALTI", DIMENTICANDO T U T T I I SUOI "SUDDITI".
ANCH'IO, CARO IL MIO (AF)FAN PRO NOBIS, MIOPE E SORDO, VORREI CHE IL MIO PAESE FOSSE AMMINISTRATO DA PERSONE COMPETENTI E PERBENE, MA E' COME CERCARE L'AGO NEL PAGLIAIO E DI CERTO L'AGO DELLA QUESTIONE NON MI SEMBRA MOSCARELLA.

SINCERI E SPERANZOSI AUGURI.

MAIELLARO

ulisse10 ha detto...

Premesso che sono convinto dell'assoluta estraneità di Moscarella nel caso " Discarica Ferrante" ritenendo, a mio parere, la precedente Amministrazione Vece " dentro " fino ai capelli. Sarà poi compito dell'Autorità Giudiziaria chiarire il tutto.
Gentile Anonimo, ti dimostro come un Atto Pubblico, è legale nel merito, viziato nella sostanza.


ulisse10 Ottobre 14,2008 alle 10:55

Al presidente delle “ Nove Muse “ Bravo Presidente non bisogna demordere e soprattutto bisognerebbe fare il possibile per far si che l’ignoranza non sopravalga sulla Cultura. E’ esattamente quello che hanno realizzato senza il minimo rimorso intellettuale 5 laureati.

Regolamento Polizia Municipale

Sindaco dott. Giuseppe Moscarella
Vice sindaco Dr. Gerardo Tarantino
Assessore alla P.M. Dr. Angelo Vece
Capo gruppo A.N.Avv.F.sco Americo
Settore AA.GG.dott.ssa Maria Di Meo

Non si valutano idoneità conseguite in altri concorsi del Pubblico Impiego;
Non si valutano titoli culturali e professionali;
No si richiede il curriculum vitae;
Non interessa la cultura generale;
Non interessano nel modo più assoluto titoli specifici di formazione professionale, maggiormente se conseguiti prima dell’appartenenza alla P.M. maggiormente se superati con votazione di 8,74;
Si diventa M.llo Capo Vicaro solo con vincoli di parentela, con diploma possibilmente miracoloso, non si richiede lo sforzo di una vasta cultura generale, ivi compreso l’uso del computer. Si stabilisce, confortati da profondi studi matematici, che la posizione lavorativa C4 è superiore alla C5.
Così è stabilito dalla nostra ignobile e vigliacca coscienza, il tutto per punire il sig. M.V.M. che ha rotto i coglioni con tutte le sue.......

Adesso fatti un'esame di coscienza.

A Tutti, auguri di un felice 2009

Anonimo ha detto...

A me sembra che anche l'avvocato d'ufficio moscarelliano si sia avvalso del diritto all'anonimato, perchè biasimare l'anonimato degli altri?..mah!...misteri della psiche moscarelliana!...a proposito, l'avvocato d'ufficio ha dimenticato la questione derivati e il conseguente indebitamento per svariati milioni di euro..embè e di che parliamo allora!?..questi argomenti perchè non farli scrivere alla scribacchina sgrammaticata di regime sui loro giornaletti molto addomesticati? perchè le si dettano solo esaltanti ed esaltati articoli di glorificazione del moscarellismo?

Anonimo ha detto...

Anonimo difensore d'uffico di un distratto Re, vate imperituro dello "jus prime noctis" (della serie: qui comando io e voi tacete e subite, o sudditi ignoranti). Stai molto attento alle parole che usi, perchè davvero ti stai grandemente confondendo...
Tu confondi infatti il clan Annese con l'intero Paese...
Inoltre, sarebbe bello se riuscissi, utilizzando però la stessa veemenza oratoria e forte magari (ma questo mi rendo conto è assai più difficile...) delle stesse ragioni a dimostrare (nel merito: e quindi fuori da ogni argomentazione volta a sostenere la pura e sola "regolarità formale" degli atti) che per esempio l'appalto Global Service non sia stato "pilotato"..

E questo per non tacere comunque di certe "stranezze statistiche" legate all'affidamento degli incarichi e dei lavori pubblici sempre alle stesse persone/ditte: davvero un curioso esempio di come la statistica possa miseramente fallire...

Oh certo, mi dirai che, in fin dei conti, Il Tuo Re non si sta comportando diversamente da qualsiasi altro "pretendente al trono" di Orta Nova (presente e passato). Ed in questo con ogni probabilità Tu hai (purtroppo) ragione...
Ma, e qui viene il punto, quando ci si augura Buon Anno si spera sempre che le cose cambino per il meglio. E, questo devi concedermelo, nel tuo augurio non c'è la minima speranza di un Futuro diverso dal presente, segno che o le cose ti vanno bene così come sono, oppure senti in cuor tuo che l'impresa di cambiare è troppo titanica perchè effettivamente, per cambiare l'attegiamento del Re e del suo Ciambellano (Bombino), bisognerebbe innanzitutto cambiare gli Ortesi..

Tuttavia, mio giovane amico, l'ora dei conti (nel merito e non solo nella forma) prima o poi verrà. E allora bisognerà pure spiegare alla Gente, il perchè di "certe non-decisioni", oppure l'apparente
contradizzione legata all'affidamento dell'incarico assessorile più importante ad un forestiero di tal fatta ed in così palese "conflitto d'interessi"...

Insomma un tuo "addolcimento" in taluni grossolani giudizi sarebbe bello perchè, intendentoti ragazzo di sanissimi principi, in buona fede e non privo di una discreta intelligenza, Tu riesca a liberare la tua mente dall'odio verso chi osò insultare il tuo Re...ponendo invece a quest'ultimo magari un resoconto "edibile" (cioè non viziato da rancori di sorta) delle critiche che ti capita di leggere di tanto in tanto qui o altrove...
Magari chissà, hai visto mai che nel 2009 riusciamo ad avere davvero una Raccolta Differenziata, Antenne telefoniche ad altezze ed in localizzazioni "decenti", dei Servi Sociali adeguati e magari chissà, tra una chiacchera e l'altra, viene pure qualche buona idea per lo sblocco del Piano Regolatore e dell'empasse della Zona P.I.P.

Ti saluto quindi affettuosamente, mio giovane amico, con stima e affetto, restando fiducioso che il nuovo anno possa portarti il "buon consiglio" di smettere di stare attaccato al passato...che tale è il Moscarellismo: esso è passato e, per quanto questo possa dispiacerti, ad Orta Nova, nel 90% delle case, non si aspetta altro che il momento in cui il cadavere di ciò che fu un tempo splendente sulle rovine dell'era Maffione, possa finalmente (e definitivamente) esser seppellito sotto una valanga di voti contrari (dagli ultimi conteggi il consenso del tuo Re è sotto al 10%: pci vorrebbe un miracolo, se non fosse che questo c'è già stato ed infatti ora il Re è anche Barone del feudo Porvinciale...Ma i miracoli si sa, sono per definizione rari e poi, bisogna pur sempre meritarseli).

Ti Auguro quindi di cuore un buon 2009, sperando che tu riesca a trovare in te la forza, il coraggio e la lucidità per "prender le distanze", dal vecchio sovrano ed il suo Ciambellano, evitando con ciò di esser seppellito (politicamente s'intende) a tua volta, nell'ora del commiato, così come era imposto ai servitori più fedeli dei vecchi Faraoni, cosa che, essendo con ogni probabilità Tu Giovane (e per questo innocente) sarebbe davvero una somma ingiustizia...

Rilassati. E lascia che il 3 volte Re si prenda gli sberleffi del suo (odiato: anche in questo sò per certo d'indovinare) popolo. E non spenderTi troppo in sua difesa: egli è politicamente già morto. E lo sa. Anche se vuole a tutti costi credere (e far credere) il contrario.

Anonimo ha detto...

Cari amici,
vedo con piacere che vi state appassionando alla corretta discussione delle decisioni prese dall'amministrazione Moscarella ed in molti casi anche a quelle attribuite e mai prese dall'amministrazione moscarella. Mi sembra ovvio che siate totalmente disinformati sulle questioni amministrative e che per alcuni parli più il rancore verso qualche mai sopita ambizione che non la ragione. Per quanto riguarda i vigili urbani, categoria da sempre invisa alla popolazione per la spiacevole esposizione del lavoro che svolgono ma anche per lo scarso spirito di corpo che li ha contraddistinti nei decenni. Un comandante da sempre ostaggio di qualche sottufficiale che non ha mai avuto la capacità del comando e vigili sempre in lotta tra di loro per qualche meschinità priva di concretezza a dimostrazione della pochezza dei soggetti. Il maresciallo che continua a lamentarsi per la persecuzione subita dagli amministratori dimentica che se pur a suo parere è il migliore del mondo resta sempre un vigile urbano diplomato (gli esami universitari senza la laurea non rappresentano titolo). Questa amministrazione guidata da Moscarella gli ha consentito dopo oltre 30 anni di servizio (non tutti svolti presso il corpo) di vestire i gradi di maresciallo capo grazie al diploma e all'anzianità di servizio, criterio a mio avviso asettico e non discrezionale. Inoltre mi sembra che lo stesso abbia ricevuto un passaggio dalla categoria C4 alla categoria C5. Se oltre questo si chiedono i miracoli ritengo ci si debba rivolgere ad altri. Il ritenersi ad Orta Nova il migliore di tutti senza aver dimostrato alle dipendenze del Comune nulla di eccezionale, svolgendo correttamente il proprio compito così come si veniva regolarmente pagati è una questione che attiene alla propria coscienza. Mi sembra assurdo che ci sia ancora qualcuno che parli di raccolta differenziata porta a porta senza che si sia reso conto che il Comune di Orta Nova non è una Repubblica isolata ma per quanto concerne la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti fa parte dell'ambito territoriale Bacino FG4. Ciò significa che le decisioni ed i bilanci del settore sono prese dal comprensorio. L'amministrazione comunale da parta sua ha già avviato un progetto sperimentale con le scuole per diffondere tra i bambini la cultura della differenziata. Sarebbe opportuno che chi scrive e parla di questo argomento si documentasse anche sui costi che la raccolta differenziata comporta. Inoltre i soloni della monnezza si informassero sul costo a mq. della TARSU nel nostro comune rispetto agli altri comuni della provincia di Foggia. Sul problema "antenne" chi scrive deve soffrire di turbe da inquinamento. Non intendo offendere, ma come è possibile che una persona normale, dopo aver ripetuto questa litania con il giusto condimento di cattiveria, non si sia preso ancora la briga di controllare le date a cui risalgono le antenne e le competenze del Comune in merito. Mi piace risentire parlare di debitoria del Comune che si aggira a cifre esorbitanti, come ha affermato il consigliere Maffione in consiglio comunale. Spero che l'anonimo che scrive di queste cose sappia cosa dice, per quanto io conosca il Comune di Orta Nova non ha debiti che compromettono la stabilità del bilancio. Se invece l'amico intende i mutui contratti dall'Ente, ebbene si informasse in quanto i mutui sono l'unico strumento per tutti i comuni d'Italia per fare opere pubbliche e per attingere ai mutui presso la Cassa Depositi e Prestiti (ente dello Stato) bisogna avere bilanci sani e non si può superare una certa soglia di indebitamento fissata al 15% ( Il Comune di Orta Nova è al 6%). I derivati che vanno tanto di moda, sono stati uno strumento usato dai Comuni d'Italia per dare ossigeno alle casse degli Enti per disporre di risorse da adibire al miglioramento dei paesi. Sono state operazioni che quando i tassi di interesse lo consentivano hanno portato beneficio ai Comuni, invece quando i tassi sono lievitati queste operazioni hanno registrato delle perdite. Oggi i derivati del Comune di Orta Nova stanno ritornando in attivo proprio in virtù delle oscillazioni dei tassi e comunque nel complesso hanno dato un attivo finora. L'amministrazione Moscarella che si è caricata anche dei derivati contratto dall'amministrazione Vece, sta provvedendo quanto prima ad uscire sempre quando converrà all'Ente.La bufala della Global Service ortese è diventata una sorta di telenovella. Ma qualcuno si è chiesto quante persone lavorano presso questa cooperativa? La gara di appalto ha una evidenza pubblica, qualcuno si è preso la briga di controllare la corretta procedura? Mi sembra che vi sia una evidente invidia nei confronti dell'assessore Bombino il quale svolge il suo compito fiduciario (come tutti gli altri assessori)in modo ineccepibile. Da cittadino ortese ritengo che questo accanimento nei suoi confronti lo rende ai miei occhi meritevole di fiducia in quanto ha dimostrato professionalità e capacità. Dimostrate il contrario......... Le barzellette sul conflitto di interesse hanno dimostrato solo una cosa che il Bombino ha denunciato i suoi detrattori che risponderanno delle accuse a chi di dovere. Auguri per un migliore anno 2009 e che a qualcuno porti un pò di giudizio.

Gladiatore1943 ha detto...

Sei sbudoratamente falso, lecchino, iproscrita e corrotto come lo è Moscarella, Bombino, l'ing.Vece, la Dott. DI Meo, Il Comanadante Santoro. Perchè non parli, del ricatto subito da Balsamo: o comando io o a 'u puzz. Sei un vile.Perchè non parli del Broker, perchè non parli del concorso dell'ing. Vece? Gestito da quel signorotto del segretario Felice Scarlato e del perchè Moscarella lo ha democraticamente sostituito. Perchè non parli di Moscarella che ha sempre sostenuto la Morte amministativa si Santoro, tanto da prevedere il d/3, promesso forse ad un avvocato? Perchè non parli della trasformazione degli stabilimenti vinicoli? Hanno rispettato la volumetria? Perchè mai controllati dal nucleo edilizio. Perchè Non parli dei pareri fasulli da parte dell'A.S.L.dell'ufficio tecnico e della stessa polizia municipale per negozi di vicinato, denunciati dal M.llo, certo il più bravo e onesto e questo ti rode! che fine hanno fatto? Perchè non parli delle oltre 140 denunce di risarcimento danni per le quali Il tuo Amatissimo Moscarella ha fatto orecchie di mercante. E poi, vergognatevi, è sotto gli occhi di tutta la cittadinanza Il consigliere e il lavoro al padre impresa; l'assessore e il lavoro al cognato ing.; l'ing. Vece e il lavoro al cognato;Bombino e l'appalto, a chi? Lo vuoi dire tu?Lo studio associato rifugio peccatori, privativa dei maggiori lavori.Se continuo, mi viene il volta stomaco abbassandomi a parlare di e con voi. Sei Sbudoratamente falso, ipocrita, degno del tuo ruolo. Statene certi,rivedetevi il film " Il Gladiatore " Analizzatelo e tremate quacquaracqua e ruffiani.

Mario V. Mastasi ha detto...

Gentile anonimo quando parli della mia persona, pulisciti la bocca col bicarbonato. Palesati,quacquaracqua di ominicchio.Io mi sono assunto sempre le mie responsabilità e sono stimato dalla popolazione.Nei 9 anni passati all'ufficio Tributi ho dato dignità e prestigio ad un'ufficio, gestito alla carlona. dove si faceva politica e favori.Ho denunciato errori ed orrori ai diretti superiori e ai 2 sindaci, due indubbi galantuomi? Michele Antonio Vece e Peppino Moscarella. Non ho mai avuto risposta.Se ero ambizioso del comando potevo prolungare, considerato che sono andato in pensione con soli 33 anni e 5 mesi, perdendo molto sulla pensione. Voi disconoscete il valore della dignità umana,non avete il carisma per poter esprimere da uomini liberi il proprio pensiero, siete come gli accattoni, per avere un lavoretto o un piacere vi prostituite.Io il C/5 l'ho accettato da Moscarella dopo una conciliazione c/o l'ispettorato del lavoro, perchè quel " termine Moscarelliano " Merdaiolo di Michele Antonio Vece aveva disertato le convocazioni, nel mentre elargiva categorie da capi servizio ai suoi e guarda caso, promuoveva assessore un M.llo dei VV.UU. che avrebbe dovuto controllare il verde che spariva, il piano terra che diventava 16 appartamenti, il marciapiede di via indipendenza che diventava edificabile, che strano, vai a documentarti anche su Moscarella zona PIP. Per carità tutto alla luca degli atti pubblicati. Quando si dice la legalità!
Non dimenticare: non sono il più bravo del mondo,ma sono certamente più onesto, non solo di te che sei un meschino, ma di " MOSCARELLA" Non appena avrò in tasca la mia meritata liquidazione, ci risentiremo nei luoghi preposti. Un'ultima cosa quanto ai titoli per il regolamento della Polizia Municipale, se si fosse adottato l'onesto sistema di valutare i titoli, con 4 idoneità ai concorsi precedenti e con 8,74 del diploma rilasciato dalla regione Puglia nel 1974 ti piaccia o no ero il 1°, quando si dice il caso, e Ardito il 2°.Il geometra Balsamo? Sai quando è andato a scuola?

Felice 2009 a tutti, compreso gli anonimi, gli ominicchi e perchè no anche ai ruffiani di prifessione

Anonimo ha detto...

Buon anno!!!!
Quando si parla e si scrive con la coscienza sporca i risultati non possono che essere mediocri. Come mediocri sono le argomentazioni che si adducono per screditare chi non ci è simpatico. Le circostanze che sono alla base delle scelte di una amministrazione comunale in molti casi sfuggono alla percezione di chi superficialmente le recepisce. Le amministrazioni si susseguono ed inevitabilmente quella che subentra deve partire da ciò che ha trovato. Questo è un principio generale. Pertanto se non si conoscono o si fa finta di non conoscere le situazioni pregresse si ha difficoltà a capire le determinazioni successive. Sulla onestà intellettuale del maresciallo capo non si discute. Però bisogna considerare le difficoltà degli amministratori a governare un gruppo di persone che dimostrano una esasperata litigiosità, una smisurata presunzione ed uno scarso attaccamento al proprio lavoro. Il materiale umano è questo. Non tenerne conto è fuorviante anche perchè ci si abbandona a chiacchiericci inutili dimenticando i limiti che ognuno si porta dietro. L'amministrazione Moscarella ha tentato con alcuni interventi (che possono essere non condivisi) di dare dignità al corpo di polizia municipale. Sta alla capacità dei singoli di interpretare al meglio questi segnali. Pensare, invece, di strattonare gli amministratori per indirizzare le scelte secondo i propri desideri o ritenere che gli amministratori si inseriscano in diatribe personali e quasi sempre puerili, è pura follia. Questo atteggiamento è stato assunto da coloro che hanno avuto il privilegio di essere riconosciuti dopo decenni di servizio dei gradi. Questo non è bastato!!!! Si sono impegnati, invece di lavorare, ad imbeccarsi come galli nel pollaio per ottenere un qualcosa di indefinito. E' la scuola di pensiero (che viene da lontano) ad allontanare i personaggi dalla ragionevolezza e dalla disciplina che la divisa dovrebbe consigliare. I titoli vantati (tutti inconsistenti) sono stati un motivo per mettere fuori la rabbia ed i rancori accumulati nei decenni e che hanno mortificato le coscienze. L'amministrazione Moscarella ha dovuto fare i conti con queste situazioni subdole e immature. Provare per credere.
Quindi come si suol dire: cornuti e mazziati.
Auguri

Anonimo ha detto...

L'anonimo ha ragione. Infatti Moscarella, nela sua infinita saggezza, ha persino dispensato posti, non solo gradi. Ma questo non è bastato arendere gli "agenti" più coscienti della loro pochezza. Poi, al suo terzo (insperato) mandato, ha persino preso a cuore le sorti del Paese al punto che ha trasferito la segreteria del Paese a Stornarella, ove la leggenda narra che ci sia una luninare del diritto amministrativo, sollevando anche di questa incombenza gli Ortesi, che davvero proprio non si sanno amministrare al punto che egli si vide costretto nel 2001 a cambiare lo Statuto del Comune abolendo il regolamento di funzionamento di Giunta, che ora è "adottato in via informale" (cioè a chiacchere e mutevole "alle bisogna") dalla Giunta stessa. Poi, al terzo (miracoloso? Fatale mandato, visto il calibro dei concorrenti)ha pensato bene di dispensare, anche in questo caso con moltissima magnaminità, gli Ortesi persino dalla gestione del proprio Bilancio, chiamando a ciò un "fido professionista", iscritto all'Albo dei...Beh, questo signori credetemi, non mi è riuscito di scoprirlo ancora ma certo verrà il giorno in cui tutte le scelte (e ancora di più le non scelte) di Moscarella vi appariranno fulgide in tutta la Loro strabiliante lungimiranza. Allora e solo allora, sarete, saremo in grado, di capirne la grandezza. Per ora tacete. Taciamo. O sudditi Ignoranti che non proprio non riusciamo a capire come funziona la macchina amministrativa...
Buon Anno a tutti allora.
Buon Anno ai Coraggiosi e agli Illusi che credono davvero dipoter cambiare il mondo...

Ma Buon Anno anche ai disillusi e ai pragmatici: a Loro dobbiamo tutto, persino la nostra rabbia. Bisogna pur sempre ringraziarli, visto che in un mondo avido di sentimenti, la rabbia che suscitano le loro inqualificabili gesta serve pur sempre a ricordarCi la nostra Natura di Uomini (e poi certo anche di Ominicchi, Ruffiani e Quaquaraquà, in omaggio a quel Giorno della Civetta che racconta ma non affronta, il male oscuro del Sud).

Sopratutto però, è con sommo piacere che auguro buon anno a tutti coloro che davvero non hanno capito un cazzo di quello che succederà...Per loro il 2009 sarà un'anno memorabile: pieno di sorprese!!

Saluti!
PS: quanto all'anomimo che difende Bombino e l'affare Global Service: ma vai a cagare. E restaci per tutto il 2009!!! :)

Anonimo ha detto...

NEL RILEGGERE IL POST DELL’ANONIMO DIFENSORE DELL’AMMINISTRAZIONE MOSCARELLIANA MI CONVINGO SEMPRE PIU’ CHE CHI SCRIVE SIA PROPRIO IL “PRINCIPALE”. DAL LINGUAGGIO ADOTTATO MI SA CHE…..
COMUNQUE POCO IMPORTA, SE NON FOSSE “EGLI”A SCRIVERE DI CERTO E’ UN PERSONAGGIO A LUI VICINOVICINOVICINO.
LE ARGOMENTAZIONI, DAL SUO PUNTO DI VISTA, SONO QUASI INECCEPIBILI.
MA IL PROBLEMA E’ PROPRIO IL SUO PUNTO DI VISTA, LA PROSPETTIVA DALLA QUALE SI VEDE IL MONDO DEGLI ALTRI, LA PARZIALITA’ DELLE OBIEZIONI.
CHIARIAMO SUBITO UN CONCETTO SACROSANTO: IL SINDACO E’ IL PRIMO CITTADINO DI UNA POPOLAZIONE CHE LO HA ELETTO, MAGARI ANCHE CON I VOTI DELLA MALAVITA, COME DICE ANCHE LANNES, MA COMUNQUE HA OTTENUTO LA MAGGIORANZA DEI VOTI DEI SUOI CITTADINI, RISULTANTO COSI’ L’ESPRESSIONE DI QUEL MOMENTO A SUO MODO STORICO E LA SINTESI SOCIO-CULTURALE DELLA COMUNITA’ ELETTRICE.
CIO’ DA’ A LUI IL DIRITTO DI RAPPRESENTARCI ED IL DOVERE DI AMMINISTRARE I BENI COMUNI, TENENDO SEMPRE A MENTE CHE ESSI SONO I BENI DI TUTTI I CITTADINI E NON SOLO DI ALCUNI.
L’ERRORE SUPREMO CHE UN SINDACO PUO’ COMMETTERE E’ INDUBBIAMENTE QUELLO DI PENSARE DI “CRISTALLIZZARE” QUEL MOMENTO STORICO IN CUI E’ STATO ELETTO, TRASCURANDO LE INEVITABILI EVOLUZIONI ECONOMICHE, CULTURALI E SOCIALI DEGLI ABITANTI, PROVOCANDO CON TALE ATTEGGIAMENTO UNA SORTA DI “SCOLLAMENTO SISTEMICO” ED UN ALLONTANAMENTO SOSTANZIALE DALLE REALI ESIGENZE DEI CITTADINI RAPPRESENTATI.
IL SINDACO ELETTO DEVE ANZITUTTO PREOCCUPARSI DELLA SALUTE PUBBLICA, TUTELANDO ANCHE IL SINGOLO CITTADINO IN QUANTO PERSONA CON UNA SUA DIGNITA’ E RISPETTANDO LA SUA UNICITA’; NON E’ POSSIBILE ACCETTARE DEROGHE SU QUESTO ARGOMENTO, ANCHE SE I BILANCI ECONOMICI NON DOVESSERO PERMETTERLO ( si utilizzano in maniara piu’ oculata le risorse pubbliche).
L’EVOLUZIONE SOCIALE E CULTURALE PORTA, A VOLTE, A CAPIRE CHE ALCUNE COSE FATTE IN PASSATO, DETERMINATE SCELTE ADOTTATE FINO A QUEL MOMENTO, NON SONO PIU’ VALIDE, MA NON PERCHE’ NON SONO PIU’ DI MODA, MA PERCHE’ SONO MUTATE LE ESIGENZE, LE CONDIZIONI, LE CONVINZIONI, LE TECNOLOGIE. PER ESEMPIO NEGLI ANNI 70 SI CREDEVA CHE L’ETERNIT FOSSE UN RITROVATO TECNOLOGICO PERFETTO PER COSTRUIRE TETTOIE, GRONDAIE, TUBI, CANALI DI SCOLO E POCHI SI PONEVANO LA DOMANDA SE L’AMIANTO CON IL QUALE ERA COSTRUITO POTEVA “INTERFERIRE” CON LA SALUTE UMANA. POI…..SAPPIAMO COME E’ ANDATA A FINIRE, CON MORTI PER MESOTELIOMA, ARRESTI, CONDANNE, FABBRICHE CHIUSE E MAI BONIFICATE. UN’ESPERIENZA CHE DEVE FAR RIFLETTERE TUTTI. COMPRESO I SINDACI! NON FOSSE ALTRO CHE PER UN PRINCIPIO DI PRECAUZIONE NON PUO’ RIDURSI AD UNA ALZATA DI SPALLE LA TUTELA DELLA NOSTRA SALUTE, FACENDO FINTA DI NON ACCORGERSI CHE NON CI SONO PERICOLI INCOMBENTI, ANCORCHE’ INVISIBILI, COME, PER ESEMPIO, LA CONTINUA ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI .
MOSCARELLA, SINDACO DI TUTTI NOI, NON PUO’ E NON DEVE DIRE CHE :” Sul problema "antenne" chi scrive deve soffrire di turbe da inquinamento. Non intendo offendere, ma come è possibile che una persona normale, dopo aver ripetuto questa litania con il giusto condimento di cattiveria, non si sia preso ancora la briga di controllare le date a cui risalgono le antenne e le competenze del Comune in merito…..”
NO!! NON LO DEVE NEANCHE PENSARE. IMMAGINO E SPERO CHE LA FRASE SIA USCITA TRA UNA “SCARTELLATA” E UNO SPUMANTINO ALTRIMENTI VORRA’ DIRE CHE LA SITUAZIONE E’ PIU’ GRAVE DEL PREVISTO. IL SINDACO, RIPETO, IN QUALITA’ ANCHE DI PRIMO RESPONSABILE DELLA SALUTE DEI SUOI CITTADINI, NON PUO’ ESIMERSI DAL VERIFICARE L’ATTUALE STATO DELLE COSE, IN QUESTO CASO DELL’INTENSITA’ DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI IN PROSSIMITA’ DELLE ANTENNE TELEFONICHE, ANCHE SE ALTRI SUOI PREDECESSORI SONO DA RITENERSI GLI ARTEFICI DI COTANTI MONUMENTI. L’ “ESORDIO” SULL’ARGOMENTO (“Sul problema "antenne" chi scrive deve soffrire di turbe da inquinamento”) FA FACILMENTE INTUIRE CHE IN FONDO ANCHE L’AUTORE DELLA BATTUTA TEME GLI EFFETTI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE E PERTANTO, SE NE HA LA FACOLTA’, POTREBBE PROVVEDERE AD ORGANIZZARE UNA SERIA E VERITIERA VERIFICA, COSA MAI FATTA DA QUANDO SONO IN FUNZIONE, FATTA ECCEZIONE PER QUELLA DI VIA PUGLIE, DIMENTICANDO FAVORI AGLI AMICI E AI PARENTI DEGLI AMICI. RIBADISCO CHE SIA FATTA IN MANIERA ATTENDIBILE E SENZA TRUCCHI E SENZA FALSIFICAZIONI DI DATE E DATI ( invito a controllare i documenti dell’ARPA riguardanti l’antenna di via rosati, perché non si può dichiarare di aver fatto una rilevazione strumentale indicando una data che deve ancora arrivare!).

LA VOCE UFFICIALE DEL SINDACO, INOLTRE, ACCAMPA MOTIVAZIONI DI ORDINE ECONOMICO PER GIUSTIFICARE IL DISINTERESSAMENTO DELL’AMMINISTRAZIONE SULLA QUESTIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI. RILEGGIAMO:” Mi sembra assurdo che ci sia ancora qualcuno che parli di raccolta differenziata porta a porta senza che si sia reso conto che il Comune di Orta Nova non è una Repubblica isolata ma per quanto concerne la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti fa parte dell'ambito territoriale Bacino FG4. Ciò significa che le decisioni ed i bilanci del settore sono prese dal comprensorio…..”
SCONCERTANTE E’ QUELL’ “ancora”, PAROLA CHE SI DOVREBBE USARE DOPO AVER DETTO, FATTO, DISCUSSO, PROVATO UNA QUALSIASI COSA, UN TENTATIVO, UN PROGETTO, PRIMA DI ARRENDERSI AD UNA EVIDENZA E POI DIRE :”ancora…!”. MA NULLA SI E’ FATTO, NULLA SI E’ DISCUSSO, NESSUNO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE HA PROPOSTO NIENTE! CI SI NASCONDE DIETRO VUOTE PAROLE MOSTRANDO SOLO UNA PALESE APATIA AD AFFRONTARE LA QUESTIONE. BASTI RICORDARE CHE LA SCORSA SETTIMANA IL PRESIDENTE DELLA REGIONE PUGLIA HA FATTO VISITA A CERIGNOLA ALL’IMPIANTO DI RACCOLTA, TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI DEL CONSORZIO DI BACINO FOGGIA 4, GESTITI DALLA S.I.A. E, A TESTIMONIANZA DI QUANTO DETTO PRIMA, IL SINDACO, SEBBENE INVITATO A PARTECIPARE, HA BELLAMENTE DISERTATO L’INCONTRO.
MOLTI COMUNI D’ITALIA, SIA AL NORD CHE AL SUD, HANNO COMINCIATO AD EFFETTUARE LA DIFFERENZAZIONE DEI RIFIUTI, OTTIMIZZANDO I COSTI DI GESTIONE E RICAVANDO ANCHE UN DISCRETO GUADAGNO DALLA VENDITA DEI MATERIALI DIFFERENZIATI, DAL COMPOSTAGGIO DELL’UMIDO E DALLA VENDITA DEL CONCIME BIOLOGICO RICAVATO E TRA QUESTI C’E’ ANCHE IL NOSTRO CAPOLUOGO CHE DA OTTOBRE HA COMINCIATO A SPERIMENTARE IN ALCUNI QUARTIERI LA RACCOLTA PORTA A PORTA, NEL TENTATIVO NON SOLO DI RAGGIUNGERE LE PERCENTUALI MINIME IMPOSTE DAL GOVERNO CENTRALE, MA ANCHE CON L’OBIETTIVO DI CREARE UNA PIU’ VASTA COSCIENZA DI TUTELA AMBIENTALE DA PARTE DEI CITTADINI FOGGIANI.
DA QUESTO PUNTO DI VISTA, CON QUESTI ARGOMENTI BASATI SOLO SU PRESUNTI EQUILIBRI DI BILANCIO, SI RISCHIA DAVVERO DI RIMANERE UNA REPUBBLICA ISOLATA!

UN’ALTRA “IPOCRISIA” DEL NOSTRO INTERLOCUTORE DIFENSORE D’ATTACCO E’ LA PRESUNTA SBANDIERATA STABILITA’ DI BILANCIO DEL COMUNE ORTESE.
ALCUNI ARTIFICI CONTABILI PERMETTONO IL RAGGIUNGIMENTO DI QUESTO TRAGUARDO, MA NELLA SOSTANZA, NELLA REALTA’ DEI FATTI ORTA NOVA E’ INDEBITATA FINO AL COLLO, SIA CON LE BANCHE, CON LE QUALI HA CONTRATTO DEBITI SOTTOSCRIVENDO “DERIVATI” SENZA AVERE NEL SUO STAFF DI TECNICI QUALCUNO CHE FOSSE IN GRADO DI CAPIRE COSA STESSE FACENDO, CON IL RISULTATO OVVIO DI AVER AFFOSSATO LE CASSE COMUNALI, SIA CON I CITTADINI AI QUALI HA ESPROPRIATO TERRENI PER LA COSTRUZIONE DI UNA FANTOMATICA ZONA INDUSTRIALE, GENEROSAMENTE VALUTATI, SUDDIVISI IN LOTTI E RISULTATI INVENDIBILI PROPRIO A CAUSA DELLA LORO ESOSITA’.
ARTIFICIOSA PARITA’ DI BILANCIO RAGGIUNTA ANCHE CON PRESUNTI F U T U R I INTROITI DERIVANTI DAL PARCO EOLICO CHE NASCERA’ A RIDOSSO DI ORTA NOVA….PER COPRIRE I BUCHI DI BILANCIO!
DEBOLE, DEBOLISSIMA LA SCUSANTE CITATA A PROPOSITO DELLA MOTIVAZIONE CHE HA INDOTTO IL COMUNE AD UTILIZZARE UNO STRUMENTO FINANZIARIO COSI’ COMPLESSO E PERICOLOSO COME GLI SWAP; DIRE “COSI’ FAN TUTTI” DIMOSTRA ANCORA UNA VOLTA, SE CE NE FOSSE BISOGNO, CHE SI E’ FATTA UNA COSA SENZA SAPERE BENE QUALI “CONTROINDICAZIONI” COMPORTASSE, UNA DIMOSTRAZIONE DI PURO DILETTANTISMO. PER USARE LE SUE STESSE PAROLE:” Spero che l'anonimo che scrive di queste cose sappia cosa dice…”, PERCHE’ HO FORTI DUBBI IN MERITO.

SULLA GLOBAL SERVICE STENDEREI UN VELO PIETOSO, L’EVIDENZA NON AMMETTE DUBBI.
UNA “SOCIETA’ DI FAMIGLIANOSTRA” CHE SOSTANZIALMENTE OTTIENE APPALTI SENZA GARE E CHE OPERA SENZA REGOLE. NON SO A VOI, MA A ME RICORDA QUALCOSA DEL PASSATO VENTENNIO FASCISTA, PERLOMENO L’ODORE E’ QUELLO. ABBIATE ALMENO IL PUDORE DI TACERE, NON NOMINATELE NEANCHE LE “PROCEDURE” ADOTTATE, PERCHE’ QUELLE PROCEDURE CI HANNO FATTO SPROFONDARE IN UN BARATRO FATTO DI CLIENTELISMI, FAVORITISMI E COLLUSIONI MALAVITOSE DEGNE DI UN PAESE SUDAMERICANO. ABBIAMO GRAZIE A QUELLE “PROCEDURE” UN “PARCO VIGILI URBANI” RICONOSCIBILI SOLO PER LA DIVISA CHE INDOSSANO, DI CERTO NON PER LA LORO CORRETTEZZA E LA LORO INTEGRITA’ MORALE (ovviamente salvandone 3 o 4). QUELLE PROCEDURE HANNO CREATO “MOSTRI DI BRAVURA” COME GLI INGEGNERI ASSOCIATI DI&CA, CAPACI DI SBARAGLIARE LA CONCORRENZA CON LE LORO CAPACITA’ AL DI SOPRA DI TUTTI GLI ALTRI STUDI TECNICI….NON “ASSOCIATI”. E POI, NON DIMENTICHIAMO, C’E’ L’ELETTRICISTA “ASSOCIATO”, L’IMPRESA EDILE “ASSOCIATA”, E FRA POCO IL PANIFICIO “ASSOCIATO”.
ALTRO CHE BARZELLETTE.
FATE BUONA FINE…QUELLA CHE VI SIETE MERITATA.
FACCIAMO BUON INIZIO, SPERANDO DI MERITARCELO.

MAIELLARO